Per andare in Scozia serve il passaporto?

Per andare in Scozia serve il passaporto?

Questa è una domanda che di recente ricorre spesso per colpa della Brexit. L’incertezza che aleggia intorno a questo evento fa spaventare chi deve intraprendere un viaggio verso il Regno Unito o deve recarsi lì per lavoro.

All’attuale stato delle cose, fino a ratificazione finale e confermata della Brexit, o meglio, dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, entrare e viaggiare nel paese continuerà a rispettare le regole di prima, cioè libera circolazione per tutti i cittadini dell’Unione Europea.

Pertanto è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio.

Ma se leggiamo sul sito della Farnesina, c’è un consiglio atto a scongiurare problemi o rallentamenti agli uffici di controllo immigrazione degli aeroporti.

Cito:

“Si segnala che spesso comportano notevoli disagi (fino al respingimento in frontiera) le carte d’identità in formato cartaceo, specie se rinnovate con timbro apposto dal Comune di appartenenza. E’ opportuno verificare inoltre prima della partenza che il documento d’identità non presenti danneggiamento alcuno: il pur minimo deterioramento potrebbe comportare respingimenti. In caso di documento rinnovato con timbro o deteriorato, si consiglia di viaggiare anche con passaporto in corso di validità, onde evitare difficoltà con le autorità di frontiera inglesi (UKBA) e/o respingimenti. “

La questione è molto soggettiva. Io nel 2011 ho viaggiato con carta d’identità valida per l’espatrio in buone condizioni, ma con timbro di rinnovo del comune, e se vogliamo dirla tutta, la foto era con sguardo rivolto di lato, per cui nemmeno tanto valida a tutti gli effetti. Non ricordo problemi, ma qualche faccia dubbiosa sì, poi magari ero io che ero terrorizzata di fronte agli agenti di frontiera. Altri invece hanno avuto qualche lamentela e fila di troppo, ma non ho mai sentito di respingimenti.

L’anno scorso, nel 2017, ho viaggiato con il passaporto e le file sono state molto più veloci e i controlli informatizzati con i tornelli a riconoscimento facciale, semplicemente aprendo la pagina del passaporto sullo scanner. Tranne qualche caso di scanner con luce scarsa i passaggi sono stati veloci ed indolore.

In previsione di viaggi o futuri trasferimenti in Uk forse fare il passaporto può essere una spesa sensata per non doversi poi arrabattare fra ambasciate, richieste in massa e ritardi in caso di ottenimento dello stesso successivamente all’attuazione della Brexit.

Ma ripeto, ad oggi non è obbligatorio ed è valida la carta d’identità valida per l’espatrio, meglio se in formato tessera.

Link utili Richiedere il passaporto – Polizia di stato

Lascia un tuo commento